Febbraio 24, 2024
Condividi su:

In principio furono le GPS (GRADUATORIE PROVINCIALI SUPPLENZE), istituite nel 2020  dall’ allora Ministra  Lucia Azzolina. 

Si tratta, come risaputo, di graduatorie (costituite da due fasce) attraverso le quali vengono ripartiti i posti vacanti non assegnati a ruolo o scaturiti da vacatio annuali. 

Una buona soluzione per riempire appunto i “vuoti” nelle scuole . 

Poi venne l’algoritmo e fu sera (in rari casi mattino). 

Con l’avvento della digitalizzazione e le nomine informatizzate, infatti, si verificano immancabilmente ormai da due anni episodi di rettifica nelle assegnazioni dei posti da parte di moltissimi UST, che lamentano una gravosa gestione dei flussi relativi alle disponibilità. 

A complicare la situazione, il Ministro Bianchi, nell’agosto 2022, con  DM 21 luglio 2022, n. 188, ha fornito ulteriori indicazioni operative in materia  di supplenze al personale scolastico per l’a. s. 2022/23 specificando che sarà necessario scegliere un panel di 150 scuole che saranno attribuite in ordine di preferenza data dal candidato. Vengono anche specificate le penali relative per coloro che abbandonano il servizio acquisito tramite GPS. 

Nel disciplinare la materia delle supplenze non si precisa però i tempi di acquisizione delle disponibilità relative ai posti, ragion per cui  accade (come ci segnalano anche i nostri tesserati) che candidati con punteggio alto si vedano bypassati dall’algoritmo e candidati più bassi in graduatoria si vedano proporre incarichi annuali sulle medesime scuole, nelle quali, a distanza di pochi giorni, si sono venute a creare cattedre libere. 

Un vero ginepraio per ovviare al quale molti Uffici Territoriali hanno pubblicato operazioni di rettifica delle nomine o delle disponibilità, finendo così per rallentare le operazioni di assegnazione dei posti. 

Anche SADOC, unendosi alle altre sigle sindacali, chiede a gran voce un ridimensionamento del sistema informatizzato, con un ritorno alle nomine in presenza (anche tenendo conto che le condizioni sanitarie legate al COVID sono migliorate). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *